Valle Varaita

La valle Varaita si estende per circa 70 chilometri risalendo da Costigliole Saluzzo fino al Colle dell’Agnello, dove una strada panoramica, che culmina ai 2744 m del valico, la unisce alla valle francese del Queyras.
Il Monviso, piramide di roccia oceanica, il “vesulus pinifer” declamato da Dante, incombe sulla valle, ma la sua vista si perde quando i tornanti della strada principale si inerpicano verso i primi contrafforti. Il suo profilo inconfondibile riappare solo in quota, per regalare panorami indimenticabili.

Dalle alte catene spartiacque con la Francia e dalle pendici del gruppo del Viso scendono molti corsi d’acqua, che confluiscono nei due torrenti Varaita di Bellino e Varaita di Chianale, riuniti a Casteldelfino nell’alveo principale.
Paesaggi straordinari si alternano: i dolci e fertili declivi del tratto iniziale si trasformano in paesaggi alpini, verdi pascoli e ripide praterie, vaste foreste di latifoglie e pinete di larici e cembri. Da sempre la valle cosiddetta “smeraldina” risplende nelle mille sfumature del verde della sua vegetazione rigogliosa.

   

   

PSR Europa
Gruppo Azione Locale Tradizione delle Terre Occitane s.c.ar.l.
Via Matteotti 40 - 12023 Caraglio (CN)
Tel e Fax: 0171 610325 | E-mail: info@terreoccitane.com | PEC: terreoccitane@multipec.it
Amministrazione trasparente
PIVA/C.F.: 02869690046