Valle Stura

La Valle Stura è solcata dall’omonimo fiume che nasce dal Lago della Maddalena e, scendendo verso Cuneo per oltre 60 chilometri, separa le Alpi Marittime (sulla destra orografica del fiume) dalle Alpi Cozie. Un vasto sistema di altopiani carsici ne caratterizzano le zone di alta quota. In cima alla valle, il Colle della Maddalena mette in comunicazione il territorio italiano con l’Alta Ubaye; più a sud, il Colle della Lombarda dà accesso alla valle francese della Tinée attraverso il Vallone di Sant’Anna.

Il territorio della valle è diviso tra 12 Comuni: Aisone, Argentera, Borgo San Dalmazzo, Demonte, Gaiola, Moiola, Pietraporzio, Rittana, Roccasparvera, Sambuco, Valloriate e Vinadio.
La Valle Stura per il suo clima e la sua posizione geografica, può vantare un’eccezionale varietà di specie floristiche tra cui rari e preziosi endemismi quali la Sassifraga e la Fritillaria e all’abbondante varietà vegetazionale corrisponde la presenza di una fauna ricca e variegata.
La valle offre al turista un ambiente ricco di storia, tradizione e cultura tra cui emergono alcune eccellenze: il Forte Albertino, l’Ecomuseo della Pastorizia, il Forte Albertino, il Santuario di Sant’Anna e Palazzo Borelli.

  

  

PSR Europa
Gruppo Azione Locale Tradizione delle Terre Occitane s.c.ar.l.
Via Matteotti 40 - 12023 Caraglio (CN)
Tel e Fax: 0171 610325 | E-mail: info@terreoccitane.com | PEC: terreoccitane@multipec.it
Amministrazione trasparente
PIVA/C.F.: 02869690046